2017/07/17

World Trade Center: an interview with former U.S. Marshal Matthew Fogg

by Hammer. An Italian translation is available here.

Continuing our commitment to preserve the memory of the events of 9/11, we present the account of Matthew Fogg, who took part in the rescue operations at Ground Zero after the collapse of the Twin Towers.

We wish to thank Matthew Fogg for his kindness and willingness to share his experience.


Undicisettembre: What do you recall about 9/11, generally speaking? What happened to you on that day?

Matthew Fogg: I went to New York on the night before, on September 10th, because with my fiancée we wanted to visit some relatives. We were staying in a hotel about thirty blocks up the street from the Towers, near to the fire station that lost most firefighters. That morning I happened to see on the television that one of the buildings had been struck by an airplane, I said “Wow, let me go outside and take a look and see what is going on.” I went outside and there were people pointing at the building and looking out you could see the smoke coming out of the top of the building, we were assuming a plane had crashed into the building but no one knew more than that. I watched for a while and then went back inside, and in a short period of time another plane arrived and hit the other building.

I was off duty at that time, I thought to myself “Wow, can two planes hit buildings like that? The navigation system must be off or something.” We were watching the news, the CNN I think it was, and questions started arriving about whether this was a terrorist attack or a natural phenomenon like somebody making a mistake flying a plane. Both of them were burning, I had no idea that they would have dropped. By that time the fire department that was in the same block we were had already responded.

I went back inside and then the two building collapsed. I realized this was going to be a huge problem. In my training as a U.S. Marshal, I also have been in the S.W.A.T. team, I did emergency rescue operation schools, I took a lot of training on how to go and recover and save people. The ironic was that I was in the middle of a lawsuit with my agency and that’s one of the reasons why I was off at that time. When I saw the buildings collapse I knew there were a lot of people under the debris, especially firefighters, police officers, law enforcement personnel and even civilians; and I knew those people needed some help. There was a side of me that was really dealing with whether or not to go there and get involved because of the lawsuit with my own agency, that was the U.S Marshals, but I had too much experience and training and I thought “If there was ever a time people would need me, this is the time.”

Amazingly enough right across the street from where I was staying there was an army surplus store, I went across the street and I spent around 300 dollars: I bought pants, a shirt, boots, flashlights, gloves and all that stuff because my goal was to go down there and try to help out. I went back upstairs and while putting on all the stuff I bought my fiancée started crying, she was very upset because she thought I was going to my death, my last word before going out were “If I don’t make it back and someone asks you, tell them this is over and beyond the call of duty.” I knew it was going to be pure disaster, I didn’t know everything but I knew it was going to be terrible. We started hearing on the news it was a terrorist attack but we could not get any phone call out; I tried to call home and somebody else, but the phones were not working, I could not get through to anybody. I made one call when the whole thing started to a friend of mine who was at Capitol Hill and he told me they were vacating congressional offices because it was a terrorist attack.

By the time I got to Ground Zero it was late that evening. There was smoke everywhere, rescuers were still trying to pull people out of there. The wreckage was so massive and there was so much smoke and stuff in the air that at a certain point I had a handkerchief over my face just trying to keep all that stuff out. It was very difficult to move around because smoke was coming out, it was crazy.


Undicisettembre: What did you guys do in the next days?

Matthew Fogg: Well, they started getting more organized setting up the command center, trying to direct people where they had to go looking for bodies. I had ropes and equipment and I went to go find pockets underground and call and try to find if anybody was there. I remember one time scared the life out of me, I though I was really dead: we had found this one particular area underground, we called and tie roped us and dug our way under going to that pocket, yelling and tapping and trying to get people responding, we went about one hundred feet underground and someone yelled “The building is falling, get out, get out, get out!” And I remember thinking “Where the heck can I go now?” I just hunkered down right where I was and prayed that the building wouldn’t collapse on me, but I thought I was dead. It was the most horrifying feeling you can ever have for you: you are stuck underground and someone yells “Get out, get out, the building is falling.” The building didn’t fall, thank God, I plumbed out and we just continued searching.

I winded up on CNN, they called us to talk about it, what equipment we used, how we were communicating with other officers, all the techniques we were using, tapping on metal and this kind of stuff.

We ended up pulling out one firefighter but he was dead. Some other firefighters and myself found this guy and tried to get him out of the rubble but by the time we got him out he was dead, so we covered him up. There’s a picture of me with another guy bringing the body down the hill, it was published in the People magazine.


Undicisettembre: How long did you stay at Ground Zero after 9/11?

Matthew Fogg: About five days.


Undicisettembre: During those five days did anything in particular strike you? Anything unexpected?

Matthew Fogg: There were a couple of places that seemed like they remained burning, where they couldn’t put the fire out. Maybe because of an underground gas line leak. Other than that, there were a lot of people coming to the location.

I didn’t even realize the need for the mask and the chemical agents that were in the air until later, when one of the doctors told me “Try to wear your mask all the time.” and that was one or two days later, I was wearing it a lot but there were times I pulled it off thinking “If you don’t see the smoke or the debris, you are okay.” but there was particles and stuff in the air. The medical team did interviews with anybody so that if anything happened to you they had a record of it.


Undicisettembre: A lot of people also mentioned the stench. Stench of burnt flesh and electronics and rubber. Do you agree?

Matthew Fogg: Yes, there would be moments when you could smell a combination of a lot of things. Odd smells, mixed smells.


Undicisettembre: Did you ever go back to Ground Zero?

Matthew Fogg: No, I haven’t been back yet.


Undicisettembre: How long did it take you to get your life back to normalcy?

Matthew Fogg: It didn’t take me long because I had been fighting the U.S Marshals in a major lawsuit for race discrimination, we just had a class certified that goes all the way back to 1994. So my life was a constant battle, a conflict. I have been in a lot of operations, I have never seen anything so huge as 9/11 in terms of destruction, but I have seen many personal things that made me say “This is just another side of life.”


Undicisettembre: What do you think of conspiracy theories that claim that 9/11 was an inside job?

Matthew Fogg: Well, I’ve heard about it and it’s hard to believe that our government would do something like that, but again I’ve see governments lie and being dishonest, I’ve seen stuff where we can go awry and power becomes corrupt. I don’t put anything passed. So to me it’s possible this have occurred.

So when people say “It was an inside job” I would say “Give me more evidence”, but maybe it happened. I don’t know. I was not inside the investigation enough to say what happened. That’s why they have juries: juries have to look at all the evidence and somebody have to come with an outcome. The official version makes sense, but the juries have to look at all the evidence and see which they believe most. I just think I don’t have enough information to say it was al-Qaeda or that it was not al-Qaeda.


Undicisettembre: How did 9/11 affect the everyday work of U.S. Marshals?

Matthew Fogg: I think it affected the Marshal Service, but at the time I was fighting them and I was on an injury leave, so I was still getting payed and all that. But I think that for all security agencies 9/11 heightened out security awareness and the knowledge that these massive operations can occur and that there’s always a way our system can be compromised. So before 9/11 all agencies wanted to keep their stuff for themselves, like when I was heavily involved in tracking fugitives and running all across the country; after 9/11 agencies started saying “we have to put this information together because you might know something that I don’t know and if we had brought that information together we could have stopped 9/11.” So, let’s talk now, let’s communicate more, let’s share.


Undicisettembre: How does 9/11 affect your everyday life?

Matthew Fogg: Well, it was a while before they recognized me as a 9/11 responder. I am black, there were other black agents, but when you see who the awards are going to you see that there weren’t many of our faces in the early stages. After 9/11 I got my recognition 8 or 9 years after. But I did what I had to do, I put my life on the line.

All the lawsuits I’m involved with for discrimination effected me, my career, anybody who is person of color. As I say, I wasn’t concerned about the bad guys, but about the guys who were behind me. So 9/11 hasn’t changed my life in terms of what I observed and what I saw.


Undicisettembre: What do you think as the US as a nation, even considering the new president you have?

Matthew Fogg: We have the new President Trump who took over after President Obama and I think President Obama did a fantastic job making this country secure again. We didn’t have any major incident, other than the shootings that we have and we’ll always have as long as you have guns in the streets, but other than that we had no major incidents. He took us out of two wars. Being at war makes us feel insecure, so getting out of those wars make us more comfortable and secure.

Trump is using a lot of terminology according to which we should be afraid like “We got to be strong, we got to build our military.” and this is making people afraid and asking “Are you looking to go to war? Why do we always have to live with this fear? We are doing well.” The economy is now growing, our sales are back on track, Wall Street is going well. So the fear of the immigrants and someone else coming in this country has been heightened because of the language and these bans on Muslims. He’s bringing a lot of fear in the country especially from people who fit this description, like Muslims or Mexicans, and what I am a little concerned about is “How do we balance that act?” To me we have to remain secure but not scare the heck out of everybody else.

World Trade Center: intervista con l'ex U.S Marshal Matthew Fogg

di Hammer. L'originale inglese è disponibile qui.

Nel continuo impegno affinché non si perda la memoria di quanto accaduto l'11/9, Undicisettembre offre oggi ai suoi lettori la testimonianza del soccorritore Matthew Fogg che è intervenuto a Ground Zero dopo il crollo delle due torri.

Ringraziamo Matthew Fogg per la sua cortesia e disponibilità.


Undicisettembre: Cosa ricordi in generale dell’11/9? Cosa ti è successo quel giorno?

Matthew Fogg: Arrivai a New York la sera prima, il 10 di settembre, perché con la mia fidanzata volevamo visitare dei parenti. Stavamo in un albergo a circa 30 isolati dalle torri, vicino alla stazione dei pompieri che perse più uomini. Quella mattina vidi in televisione che uno dei palazzi era stato colpito da un aereo, dissi “Wow, fammi uscire a vedere cosa sta succedendo.” Uscii e c'erano persone che indicavano il palazzo e guardando in lontananza si vedeva il fumo che usciva dalla sommità dell'edificio; pensammo che un aereo si fosse schiantato contro il palazzo ma nessuno ne sapeva di più. Guardai per un po' e quindi ritornai dentro; poco dopo un altro aereo arrivò e colpì il secondo palazzo.

Non ero in servizio in quel periodo, e pensai “Wow, come possono due aerei colpire degli edifici in quel modo? Il sistema di navigazione deve essere spento o qualcosa del genere.” Guardavamo il notiziario, penso che fosse la CNN, e cominciavano ad arrivare le domande se si trattasse di un attentato terroristico o di un fenomeno naturale come qualcuno che aveva commesso un errore nel pilotare un aereo. Entrambe stavano bruciando, non avevo idea che sarebbero crollate. A quel punto la stazione dei pompieri che si trovava nello stesso isolato in cui eravamo noi aveva già risposto.

Tornai all'interno e poi i due palazzi crollarono. Capii che sarebbe stato un problema enorme. Nella mia formazione come U.S. Marshal sono stato anche nella squadra S.W.A.T., ho fatto corsi sul salvataggio in caso di emergenza, ho fatto molta formazione su come andare a salvare la gente. L'ironia era che ero nel bel mezzo di una causa contro la mia agenzia e quello era uno dei motivi per cui non ero in servizio a quel tempo. Quando vidi i palazzi crollare capii che c'erano molte persone sotto le macerie, specialmente pompieri, poliziotti, forze dell’ordine e anche civili; e sapevo che quelle persone avevano bisogno di aiuto. C'era una parte di me che stava veramente pensando se era il caso o no di andare lì ed essere coinvolto, per via della causa con la mia stessa agenzia, che erano gli U.S. Marshals, ma avevo troppa esperienza e formazione e pensai “Se ci sarà mai un momento in cui avranno bisogno di me, è questo.”

Sorprendentemente dall'altro lato della strada rispetto a dove stavo c'era un negozio che vendeva forniture militari. Attraversai la strada e spesi circa 300 dollari: comprai pantaloni, una casacca, stivali, torce elettriche, guanti e altre cose del genere, perché il mio obiettivo era andare là e cercare di aiutare. Tornai su e mentre indossavo tutte queste cose che avevo comprato la mia fidanzata iniziò a piangere, era molto preoccupata perché pensava che stessi andando a morire, la mia ultima parola prima di uscire fu “Se non dovessi tornare e qualcuno ti chiede perché, digli che questo va oltre il dovere.” Sapevo che sarebbe stato un puro disastro, non sapevo tutto ma sapevo che sarebbe stato terribile. Iniziammo a sentire ai notiziari che era un attacco terroristico ma non potevamo fare nessuna telefonata; provai a chiamare a casa e altre persone, ma i telefoni non funzionavano, non potei raggiungere nessuno, riuscii a fare solo una chiamata quando il tutto iniziò, a un amico che era a Capitol Hill e mi disse che stavano evacuando gli uffici del Congresso perché era un attacco terroristico.

Quando arrivai a Ground Zero era tarda sera. C'era fumo ovunque, i soccorritori stavano ancora tentando di estrarre persone da lì. I rottami erano così grandi e c'era così tanto fumo e roba nell'aria che a un certo punto mi misi un fazzoletto in faccia solo per cercare di tener fuori tutta quella roba. Era molto difficile muoversi, perché il fumo continuava a uscire, era folle.


Undicisettembre: Cosa faceste nei giorni seguenti?

Matthew Fogg: Beh, cominciò a esserci più organizzazione con la predisposizione di un centro di comando che cercava di dirigere le persone dove dovevano andare a cercare i cadaveri. Avevo corde e l'equipaggiamento e andai a cercare sacche sotterranee e a chiamare e cercare di trovare se c'era qualcuno lì sotto. Ricordo una volta di aver avuto molta paura, pensavo che sarei morto: avevamo trovato questa specifica zona sottoterra, provammo a chiamare, ci calammo con le corde e scavammo una via per entrare in quella sacca, chiamando e picchiettando e cercando qualcuno che rispondesse; proseguimmo per circa 30 metri sottoterra e qualcuno urlò “Il palazzo sta crollando, uscite, uscite, uscite!” E ricordo di aver pensato “Dove diavolo vado adesso?” Mi accucciai lì dov'ero e pregai che il palazzo non mi crollasse addosso, ma pensai che sarei morto. Fu la sensazione più orribile che si potesse avere per se stessi: sei bloccato sottoterra e qualcuno urla “Uscite, uscite, uscite, il palazzo sta crollando.” Il palazzo non crollò, grazie a Dio, ne uscii e continuiamo a cercare.

Finii sulla CNN, ci chiamarono per parlarne, quale equipaggiamento usavamo, come comunicavamo con gli altri ufficiali, tutte le tecniche che stavamo usando, picchiettare sul metallo e questo tipo di cose.

Tirammo fuori un pompiere, ma era morto. Alcuni altri pompieri e io stesso trovammo quest'uomo e cercammo di tirarlo fuori dalle macerie, ma quando lo tirammo fuori era morto, per cui lo coprimmo. C'è una foto di me con un'altra persona mentre portiamo il cadavere giù dalla collina, fu pubblicata nella rivista People.


Undicisettembre: Quanto tempo sei rimasto a Ground Zero dopo l’11/9?

Matthew Fogg: Circa 5 giorni.


Undicisettembre: In quei cinque giorni ci fu qualcosa che ti colpì in particolare? Qualcosa di inaspettato?

Matthew Fogg: C'erano un paio di zone che sembravano continuare a bruciare, non riuscivano a spegnere gli incendi. Forse per via di una perdita di gas sotterranea. A parte quello, c'erano molte persone che arrivavano sul luogo.

Non mi resi conto della necessità della maschera e della presenza degli agenti chimici nell'area fino a più tardi, quando uno dei medici mi disse “Cerca di tenere la maschera addosso tutto il tempo”. Fu dopo uno o due giorni, la indossavo spesso ma c'erano momenti in cui la toglievo pensando “Se non vedi il fumo o le macerie, allora va bene,” ma c'era del particolato e della roba nell'aria. La squadra medica fece colloqui con tutti, così che se qualcosa fosse successo ne avrebbero avuto traccia.


Undicisettembre: Molte persone hanno menzionato anche la puzza. Puzza di carne bruciata e materiale elettronico e gomma. Concordi?

Matthew Fogg: Sì, c'erano momenti in cui si sentiva odore di tante cose. Odori strani, odori misti.


Undicisettembre: Sei mai tornato a Ground Zero?

Matthew Fogg: No, non ci sono ancora stato.


Undicisettembre: Quanto ti ci volle per riportare la tua vita alla normalità?

Matthew Fogg: Non mi ci volle molto, perché ero in lite con gli U.S. Marshals in un'importante causa per discriminazione razziale, avevamo un’azione collettiva certificata che risale al 1994. Quindi la mia vita era una battaglia costante, un conflitto. Sono stato in molte operazioni, non ho mai visto nulla così grande come l’11/9 in termini di distruzione, ma ho visto molte cose personali che mi hanno fatto dire “Questa è solo un'altra faccia della vita.”


Undicisettembre: Cosa pensi delle teorie del complotto secondo cui l’11/9 fu un autoattentato?

Matthew Fogg: Ne ho sentito parlare ed è difficile credere che il nostro governo sia in grado di fare qualcosa di questo tipo, ma di nuovo ho visto governi mentire ed essere disonesti, ho visto cose in cui possiamo prendere una brutta piega e il potere può diventare corrotto. Non escludo nulla. Quindi per me è possibile che sia successo.

Quindi quando la gente mi dice “E’ stato un inside job” direi “Dammi maggiori evidenze”, ma magari è successo. Non lo so. Non ho fatto parte dell'investigazione abbastanza per poter dire cosa sia successo. È per questo che ci sono le giurie: le giurie devono guardare tutte le evidenze e qualcuno deve arrivare a un risultato. La versione ufficiale ha senso, ma le giurie devono guardare tutte le evidenze e vedere a quale credono di più. Penso semplicemente di non avere abbastanza informazioni per dire se sia stata al-Qaeda o se non sia stata al-Qaeda.


Undicisettembre: Come pensi che l’11/9 influenzi il lavoro quotidiano degli U.S. Marshals?

Matthew Fogg: Credo che abbia avuto effetti sul Marshal Service, ma allo stesso tempo io li stavo combattendo ed ero assente per infortunio, quindi venivo ancora pagato e tutto quanto. Ma credo che per tutte le agenzie di sicurezza l’11/9 abbia aumentato la consapevolezza della sicurezza e la consapevolezza che grandi operazioni come questa possono avvenire e che c'è sempre un modo in cui nostro sistema può essere compromesso. Quindi prima dell'11/9 tutte le agenzie volevano tenere le proprie cose per sé, come quando io ero molto coinvolto nello scovare i fuggitivi e correre per tutta la nazione; dopo l’11/9 le agenzie hanno iniziato a dire “Dobbiamo unire queste informazioni, perché tu potresti sapere qualcosa che io non so e se avessimo messo insieme queste informazioni avremmo potuto fermare l’11/9.” Quindi, parliamo di più adesso, comunichiamo di più, condividiamo.


Undicisettembre: L’11/9 come condiziona la tua vita quotidiana?

Matthew Fogg: Beh, ci volle un bel po' di tempo prima che io fossi riconosciuto come un soccorritore dell’11/9. Sono nero, c'erano altri agenti neri, ma quando vedi a chi vanno i premi vedi che non c’erano molte delle nostre facce nel primo periodo. Dopo l’11/9 ebbi il mio riconoscimento 8 o 9 anni dopo. Ma feci quello che dovevo fare, misi la mia vita in gioco.

Tutte le cause legali per discriminazione in cui sono coinvolto hanno avuto un effetto su di me, sulla mia carriera, su chiunque sia una persona di colore. Come dico di solito, non mi preoccupo dei cattivi, ma delle persone che erano dietro di me. Quindi l’11/9 non ha cambiato la mia vita in termini di ciò che ho visto è ciò che ho osservato.


Undicisettembre: Cosa pensi degli USA come nazione, anche considerando il nuovo presidente che avete?

Matthew Fogg: Abbiamo il nuovo Presidente Trump, che ha preso il potere dopo il Presidente Obama, e penso che il Presidente Obama abbia fatto un ottimo lavoro nel rendere di nuovo sicura la nostra nazione. Non abbiamo più avuto grandi incidenti, al di fuori delle sparatorie che ci sono e ci saranno sempre finché ci saranno le pistole nelle strade, ma a parte quello non abbiamo avuto altri grandi incidenti. C'ha portato fuori da due guerre. Essere in guerra ci faceva sentire insicuri, quindi essere usciti da quelle due guerre si fa sentire di nuovo sicuri.

Trump sta usando molta terminologia secondo cui dovremmo avere paura, come “Dobbiamo essere forti, dobbiamo sviluppare il nostro apparato militare”, e questo spaventa le persone e fa domandare “Hai intenzione di andare in guerra? Perché dobbiamo sempre vivere nella paura? Stiamo andando bene”. L'economia sta crescendo, il commercio è di nuovo sulla buona strada, Wall Street sta andando bene. Quindi la paura degli immigrati e di qualcun altro che venga in questa nazione è stata aumentata dal linguaggio e da questi divieti sui musulmani. Sta riportando molta paura nella nostra nazione, specialmente dalle persone che corrispondono a questa descrizione, come i musulmani o in messicani, e ciò che mi spaventa un po’ è “Come bilanciamo questo?” Per me dobbiamo rimanere sicuri, ma senza spaventare a morte tutti gli altri.

2017/06/12

Robert O'Neill - The Operator

di Hammer

A sei anni di distanza dalla missione che ha ucciso Osama bin Laden, l’ex Navy SEAL Robert O'Neill, l’uomo che dichiara di aver sparato al terrorista il colpo mortale, ha pubblicato la propria autobiografia intitolata The Operator.

Il libro inizia con il racconto dell'adolescenza dell'autore e della sua dedizione alle passioni giovanili quali la caccia e la pallacanestro. Fu proprio la passione per la caccia a indurlo a perseguire la carriera militare e nelle sue intenzioni O'Neill avrebbe voluto diventare un cecchino nei Marines, ma al momento del colloquio il recruiter gli disse che se la sua intenzione era di diventare un cecchino, la scelta migliore sarebbe stata di entrare nei Navy SEALs.

O'Neill entrò nei BUD/S, il corpo preposto all’addestramento dei futuri SEALs, dopo aver completato la scuola superiore e lì scoprì che la vita e la preparazione fisica richiesta erano molto più duri di quanto si aspettasse. Al termine del periodo di addestramento, della durata di poco meno di un anno, O’Neill riuscì comunque ad entrare nei Navy SEALs nonostante il processo di reclutamento di norma scarti l’80% dei partecipanti. Dapprima l’autore del libro fu inserito nel SEAL Team 2 e durante il primo periodo del suo incaricò sentì per la prima volta il nome di Osama bin Laden quando la sua squadra dovette sorvegliare l’ambasciata americana in Albania per timori che al Qaeda volesse compiere un attacco per uccidere alcuni ufficiali americani.

Qualche mese dopo avvennero gli attacchi dell’11/9 e i SEALs capirono subito che dietro di essi c’era l'organizzazione di bin Laden; a quel punto O’Neill volle spostarsi nel SEAL Team 6 in quanto fu il primo ad essere inviato in Afghanistan e quello che aveva le maggiori responsabilità nella lotta al regime dei Talebani. Curiosamente nel libro il numero della squadra di cui faceva parte O’Neill, e che di conseguenza uccise Osama bin Laden, è oscurato; non se ne capisce il motivo, essendo ampiamente noto che si trattasse del Team 6 sin dai primi giorni dopo la missione; inoltre in alcune frasi (come l'esempio sotto riportato) si capisce perfettamente dal contesto.


O’Neill ottenne il passaggio desiderato dopo aver trascorso un breve periodo nel Team 4. Da allora passò molto tempo tra Afghanistan e in Iraq. L’autore dedica quindi ampie parti del libro a raccontare e descrivere le numerose missioni a cui partecipò; tra di esse spicca quella narrata dal SEAL Marcus Luttrell nel libro Lone Survivor, in cui lo stesso Luttrell rischiò di finire prigioniero del Talebani ma fu salvato dagli abitanti di un villaggio locale. Quando i Talebani attaccarono il villaggio per uccidere Luttrell questi fu salvato da un tempestivo intervento della squadra di cui faceva parte lo stesso O'Neill, che partecipò al salvataggio del collega.

L'ultima parte del libro è ovviamente dedicata alla missione di Abbottabad. Il primo passo verso la missione avvenne quando i membri della squadra furono convocati in un edificio governativo in North Carolina una domenica di aprile del 2011 per discutere di una missione segreta. I vertici militari spiegarono di aver una pista molto forte che aveva probabilmente condotto a localizzare Osama bin Laden, e che si basava sull’aver seguito un corriere di al Qaeda chiamato Abu Ahmed al-Kuwaiti che si recava spesso presso un compound dove abitava un uomo molto alto vestito di bianco che non usciva mai dalla recinzione. La riunione durò sei ore, mettendo a dura prova la resistenza dei militari, e i vertici spiegarono che erano state considerate tre ipotesi per l'uccisione di Osama: un'operazione condotta insieme alle forze pakistane, un attacco missilistico e una missione da terra di una squadra speciale. La scelta finale cadde sulla terza ipotesi.

O'Neill ricorda anche che l'ammiraglio McRaven raccontò di aver proposto il piano al presidente Obama e che questi lo accettò rispondendo "Avete tre settimane." Durante il periodo della preparazione O’Neill credeva che nel compound di Abbottabad sarebbe morto e in quei giorni trovò conforto ascoltando la canzone Alive dei Pearl Jam il cui ritornello dice I'm still alive (Sono ancora vivo).

Per le esercitazioni fu ricreato un compound a grandezza naturale; tuttavia, specifica l'autore, gli interni non erano noti e una volta giunti dentro l'edificio la squadra si sarebbe affidata alla propria esperienza.

Il gruppo si spostò in Afghanistan pochi giorni prima della missione, che si sarebbe svolta nella notte tra l'1 e il 2 maggio. O'Neill racconta quindi le fasi dell'operazione, dalla partenza da Jalalabad all'ingresso nello spazio aereo pakistano, dove temevano di venir abbattuti dalle forze antiaeree nazionali. Una volta raggiunto il compound, O'Neill descrive i problemi aerodinamici incontrati dal primo dei due elicotteri, che portarono il pilota a un atterraggio di emergenza; tuttavia questa fase concitata gli fu raccontata da un altro militare in quanto essendo sull'altro elicottero l'autore pensò dapprima che fosse stato il velivolo preposto ad asportare il cadavere ad essersi schiantato.

O'Neill racconta poi lo svolgersi dell'agguato ai danni di Osama bin Laden secondo la versione che ha sempre sostenuto, cioè che fu lui a sparare al terrorista saudita i colpi mortali. Come sottolineato varie volte su questo blog (in occasione dell'intervista rilasciata da O'Neill all'Esquire sotto lo pseudonimo di The Shooter e in occasione dell'uscita dello speciale televisivo The Man Who Killed Usama bin Laden, in cui O'Neill apparve per la prima volta a viso scoperto e con il suo vero nome), un altro Navy SEAL che partecipò alla missione, Matt Bissonnette, raccontò invece una versione diversa, cioè che quando il gruppo formato da Bissonnette, O'Neill e the point man (l'unico dei tre rimasto anonimo) salì al terzo piano del compound fu the point man a colpire per primo il terrorista con un colpo non mortale e che poi tutti e tre lo finirono quando era steso a terra.

Dopo aver sparato a bin Laden, O'Neill si prese cura della sua giovane moglie Amal, che rimase colpita alla spalla ma non in modo grave; tuttavia a causa dello spavento il militare la trovò in stato catatonico.

O'Neill racconta anche della missione del 6 agosto 2011, a cui comunque non prese parte, in cui morirono alcuni membri del SEAL Team 6, incidente che stimolò la fantasia complottista, senza aggiungere particolari di rilievo rispetto a quanto già noto.

In ultimo l'autore chiude il volume interrogandosi sulla responsabilità morale che ora si porta appresso per aver ucciso Osama bin Laden. Ancora non sa rispondere alla domanda se sia stata la cosa migliore o la peggiore che ha fatto nella sua vita, ma è ora determinato a sfruttare questo onere per il bene di tutti.

2017/05/29

An interview with U.S Marshal William Sorukas

by Hammer. An Italian translation is available here.

Today Undicisettembre offers its readers the account of US Marshal William Sorukas, who was near the Pentagon on 9/11 and worked at Ground Zero from the following day. His words provide another important insight into the events and offer an unusual view on the consequences of the 9/11 attacks.

We wish to thank William Sorukas for his kindness and for his time.


Undicisettembre: On 9/11 you were in Virginia; what happened to you on that day and what do you recall?

William Sorukas: I was assigned to the U. S. Marshals Service Technical Operations Group, which is located outside of Washington D.C., at an off-site location. At the time when the planes hit the World Trade Center, I was in Alexandria, Virginia, installing an intercept for an ongoing fugitive investigation. As part of this process, a telephone call was necessary to initialize the device and the setup. During this call, it was difficult to hear due to an aircraft overhead, which I later learned was the plane that hit the Pentagon. After completing the intercept installation, I received a call to return to the office, at which time I saw what was happening in New York and at the Pentagon. Early that afternoon, I responded to Marshals Service Headquarters, which was in very close proximity to Washington Reagan National Airport and the Pentagon. Not having a full understanding of the breadth of the attacks or additional targets, security was established at USMS HQ. At one point while on the roof of USMS HQ, I observed Air Force One returning to the Washington D.C. area and landing at Andrews Air Force Base.


Undicisettembre: From the 12th of September you were at Ground Zero. What did you guys do in those days?

William Sorukas: I responded with a team to Ground Zero in New York City on the evening of September 12, at the request of the New York Police Department and their Technical Assistance Response Unit. Our initial response was to work with the other first responders as part of the effort to locate and rescue individuals. As time passed, our responsibility changed to locating and recovering the remains of individuals.


Undicisettembre: What was the situation at Ground Zero after 9/11?

William Sorukas: When our team first arrived, it was dark with the exception of the fires that were continuing to burn. There was a large cloud of dust that surrounded the area and the debris field seemed to never end as we walked through the area. In retrospect, it is what a person would expect from two buildings, of more than a hundred floors, that had collapsed.


Undicisettembre: Did anything in particular strike you during the period you spent there?

William Sorukas: There was a tremendous effort by the rescue workers, which included firefighters, police officers, emergency medical professionals, construction workers, and during the first two or three days, regular people that merely wanted to help.

Within the debris field, I don’t recall seeing large objects that you would expect from a large office building, such as desks, chairs, file cabinets, tables. At one point our team found a large pane of glass (probably a window), which was fully intact.

The aroma that I still recall was similar to that of wet cement. For the first two or three days, our team was not utilizing any type of breathing equipment, so we all ingested whatever was in the air. For 7 or 8 years, I had a chronic cough that continuously reminded me of the wet cement aroma that we had experienced.


Undicisettembre: How long were you there?

William Sorukas: Our team was there for 9 or 10 days.


Undicisettembre: What do you think of conspiracy theories that claim 9/11 was an inside job?

William Sorukas: If by an “inside job”, you are referring to complicity on the part of the United States Government, I totally disagree.


Undicisettembre: How did 9/11 affect the daily work of US Marshals?

William Sorukas: It had both a direct and indirect effect on the responsibilities of the Marshals Service. For example, this was viewed as an attack against the United States, the Government of the United States and the People of the United States. Federal Judges represent the United States Government, so their protection became a priority for the U.S. Marshals Service, since this was the foundation of the agency since its creation in 1789. Indirectly, the responsibility for fugitive investigations became more prominent. This was because other agencies such as the Federal Bureau of Investigation, which was also involved in apprehending fugitives, moved many of their personnel resources to combating terrorism.


Undicisettembre: How does 9/11 affect your everyday life?

William Sorukas: Personally, it made me understand our vulnerabilities and what was experienced by the United States in December of 1941.

Intervista con lo U.S. Marshal William Sorukas

di Hammer. L'originale inglese è disponibile qui.

Undicisettembre offre oggi ai suoi lettori il racconto dello US Marshal William Sorukas, che si trovava nei pressi del Pentagono l'11/9 e che dal giorno seguente fu impiegato a Ground Zero.

Il racconto di Sorukas fornisce un altro importante tassello per ricordare quanto successo quel giorno e fornisce una visione inconsueta sulle conseguenze degli attentati dell'11/9.

Ringraziamo William Sorukas per la sua cortesia e disponibilità.


Undicisettembre: L’11/9 ti trovavi in Virginia, cosa ti è successo quel giorno e cosa ricordi?

William Sorukas: Ero assegnato allo US Marshals Service Technical Operations Group, che si trova appena fuori da Washington D.C., in una sede staccata. Quando gli aerei colpirono il World Trade Center, io ero ad Alexandria, in Virginia, a installare un dispositivo per le intercettazioni per un'indagine in corso su un fuggitivo. Come parte di questo processo, era necessaria una telefonata per inizializzare il dispositivo e la configurazione. Durante questa chiamata, fu difficile sentire per via di un aereo che passava sopra di me; seppi poi che era l'aereo che colpì il Pentagono. Dopo aver completato l'installazione del dispositivo, ricevetti una chiamata con cui mi venne chiesto di tornare in ufficio, e in quel momento vidi cosa stava succedendo a New York e al Pentagono. Nel primo pomeriggio mi recai al quartier generale del Marshals Service, che era molto vicino all'aeroporto nazionale Reagan di Washington e al Pentagono. Non avendo ben chiara la vastità degli attacchi o di altri obiettivi, fu costituita una zona di sicurezza al quartier generale del Marshals Service. A un certo punto, mentre ero sul tetto del quartier generale, vidi l’Air Force One tornare verso la zona di Washington e atterrare alla base Andrews dell'aviazione militare.


Undicisettembre: Dal 12/9 sei stato a Ground Zero. Cosa avete fatto in quei giorni?

William Sorukas: Andai a Ground Zero a New York con una squadra la sera del 12 settembre, su richiesta del Dipartimento di Polizia di New York e della loro Unità di Risposta e Assistenza Tecnica. Il nostro primo incarico fu lavorare con gli altri operatori di primo intervento nel tentativo di trovare e salvare persone. Con il passare del tempo, la nostra responsabilità cambiò e divenne la localizzazione e il recupero dei resti di persone.


Undicisettembre: Qual era la situazione a Ground Zero dopo l’11/9?

William Sorukas: Quando arrivò la nostra squadra era buio, con l'eccezione degli incendi che continuavano a bruciare. C'era una grande nuvola di polvere che circondava l'area e l'estensione delle macerie sembrava non finire mai mentre camminavamo nell'area. Ripensandoci, è ciò che una persona si aspetterebbe da due palazzi di oltre cento piani che erano crollati.


Undicisettembre: Nel periodo che hai trascorso lì c’è stato qualcosa in particolare che ti ha colpito?

William Sorukas: C'era un grandissimo sforzo da parte di tutti i soccorritori, che includevano pompieri, ufficiali di polizia, professionisti del soccorso medico, operai edili, e durante i primi due o tre giorni anche persone couni che semplicemente volevano aiutare.

In mezzo alle macerie non ricordo di aver visto grandi oggetti che ti aspetteresti di vedere da un grande edificio adibitio a uffici, come scrivanie, sedie, armadi d'archiviazione, tavoli. A un certo punto la nostra squadra trovò una grande lastra di vetro (probabilmente una finestra) che era completamente intatta.

L'odore che ancora ricordo era simile a quello del cemento bagnato. Per i primi due o tre giorni, la nostra squadra non utilizzò nessun tipo di apparato di respirazione, quindi tutti noi inalammo qualunque cosa ci fosse nell'aria. Per sette o otto anni ho avuto una tosse cronica che mi ricordava costantemente l'odore del cemento bagnato che avevamo sentito.


Undicisettembre: Per quanto tempo rimaneste lì?

William Sorukas: La nostra squadra rimase lì per nove o dieci giorni.


Undicisettembre: Cosa pensi delle teorie di complotto secondo le quali l’11/9 sarebbe stato un inside job?

William Sorukas: Se con inside job intendi la complicità da parte del governo degli Stati Uniti, sono totalmente in disaccordo.


Undicisettembre: L’11/9 che effetti ha avuto sul lavoro quotidiano degli US Marshals?

William Sorukas: Ha avuto effetti sia diretti sia indiretti sulle responsabilità dello US Marshals Service. Per esempio, questo fu visto come un attacco contro gli Stati Uniti, il governo degli Stati Uniti e il popolo degli Stati Uniti. I giudici federali rappresentano il governo degli Stati Uniti, quindi la loro protezione divenne una priorità per lo US Marshals Service, perché queste erano le basi fondamentali dell'agenzia sin dalla sua creazione nel 1789. Indirettamente, le responsabilità per le investigazioni sui fuggitivi divennero più importanti. Questo accadde perché altre agenzie, come l’FBI, anch'essa coinvolta nella caccia ai fuggitivi, spostarono gran parte del loro personale alla lotta al terrorismo.


Undicisettembre: L’11/9 come condiziona la tua vita quotidiana?

William Sorukas: Personalmente, mi ha fatto capire le nostre vulnerabilità e cosa accadde agli Stati Uniti nel dicembre del 1941.

2017/05/09

The Hunt for KSM di Terry McDermott e Josh Meyer

di Hammer

Nel 2012 i giornalisti del Los Angeles Times Josh Meyer e Terry McDermott (autore anche del prezioso Perfect Soldiers) hanno pubblicato il volume The Hunt for KSM che, come dice il titolo stesso, narra della caccia e della cattura del famoso terrorista Khalid Sheikh Mohammed (spesso indicato come KSM), vero ideatore degli attentati dell'11/9.

Il libro si apre con il racconto della cattura del noto membro di al Qaeda Abu Zubaydah in Pakistan nel marzo del 2002 e del suo interrogatorio in Thailandia. Il prigioniero si dimostrò da subito collaborativo con gli inquirenti e li aiutò a identificare proprio Khalid Sheikh Mohammed, conosciuto nel mondo jihadista con il nome di Mukhtar, come una delle menti dell'11/9 quando gliene fu mostrata una foto.

L'autore passa quindi a narrare in breve la vita di KSM, dai primi anni trascorsi in Kuwait, dove nacque nel 1965, al trasferimento per gli studi di ingegneria in North Carolina nel 1984, al primo incontro con i movimenti jihadisti in Pakistan, dove si spostò nel 1989, alla breve permanenza a Doha nel 1992.

Nel 1994 KSM si trasferì con il nipote Ramzi Youssef (che al tempo era braccato dall'FBI in seguito all'attentato del 1993 contro le Torri Gemelle) a Manila, dove insieme progettarono dapprima un duplice attentato allo scopo di uccidere il presidente Bill Clinton e il papa Giovanni Paolo II. Il piano fu presto abbandonato perché i due temevano di non essere in grado di superare la sicurezza che avrebbe protetto le due personalità; sostituirono quindi il loro piano con quello di far esplodere un numero imprecisato di aerei di linea in volo in varie parti del mondo. Il piano era noto come Bojinka. Tuttavia anche questo fallì a causa di un'esplosione in casa di uno dei cospiratori, Abdul Hakim Murad, che attirò l'attenzione della polizia filippina, che scoprì così il piano terroristico.

Ramzi Youssef e KSM riuscirono a scappare dalle Filippine il giorno stesso dell'incidente, ma Murad fu arrestato mentre su ordine di Yussef tornava a recuperare il PC di quest'ultimo. Il computer finì nelle mani della polizia, che capì che il suo proprietario era tra gli organizzatori dell'attentato al World Trade Center. Dai dati contenuti nel PC gli inquirenti capirono anche che uno degli organizzatori del piano sventato era proprio Khalid Sheikh Mohammed, fino ad allora considerato una figura di secondo piano. Youssef scappò in Pakistan, dove un suo collaboratore, il sudafricano Istaique Parker, ne tradì la fiducia consegnandolo agli inquirenti statunitensi.

Youssef fu catturato e portato a New York, dove fu interrogato e confessò di aver progettato il piano Bojinka e di aver condotto l'attentato contro il World Trade Center del 1993. Nel 1995 in Malesia fu arrestato anche Wali Khan, un altro dei cospiratori del piano Bojinka; anche lui fu portato a New York per essere interrogato. Tuttavia né Murad, né Youssef, né Khan fornirono informazioni su dove si trovasse KSM. Nel frattempo questi si trasferì in Qatar, dove l'FBI non poté catturarlo, nonostante fosse stato localizzato, perché le autorità qatariote si dimostrarono poco collaborative. Dal Qatar KSM si spostò in Pakistan, dove organizzò un incontro con Osama bin Laden a Tora Bora. In tale occasione KSM propose a bin Laden di organizzare un attacco contro gli USA usando degli aerei di linea come missili.

Osama accolse favorevolmente la proposta e nel 1999 iniziò a selezionare gli uomini del commando che avrebbe condotto l'attentato. Nel 2000 si svolse il celebre summit del terrore di Kuala Lumpur e nel 2001 l'attentato ideato da KSM e bin Laden fu tragicamente realizzato.

Dopo l'11/9 la Casa Bianca affidò alla CIA il ruolo di guida nelle indagini contro i perpetratori, scelta che l'FBI non accettò di buon grado. Inoltre, poco dopo l'attentato partì l'azione militare americana in Afghanistan che causò la caduta del governo dei Talebani e l'uccisione di alcuni vertici di al Qaeda. Tuttavia Osama bin Laden riuscì a scappare attraverso il dedalo di cunicoli delle montagne di Tora Bora. Nelle indagini e per il supporto militare, gli USA si dovettero alleare con il Pakistan; l'alleanza funzionò bene sulla carta ma meno sul campo, sia per via della facile corruttibilità degli agenti dell'ISI sia per la loro scarsità di mezzi.

Nel 2002 venne rapito e ucciso il giornalista americano Daniel Pearl; in seguito all'omicidio venne diffuso il video in cui l'uomo veniva decapitato e gli inquirenti americani ebbero da subito il sospetto che l'uomo corpulento che decapitava il giornalista nel video fosse proprio KSM.

Poche settimane dopo Abu Zubaydah confermò che KSM era l'organizzatore dell'11/9. Nello stesso periodo il giornalista egiziano Yosri Fouda intervistò proprio KSM e l'intervista (in cui KSM ammise apertamente il proprio ruolo di ideatore degli attentati dell'11/9) venne poi pubblicata nel celebre libro Masterminds of Terror. Abu Zubaydah, durante gli interrogatori, spiegò agli inquirenti dove KSM si trovasse a Karachi, in Pakistan. Dapprima le ricerche andarono a vuoto; in un raid che avrebbe dovuto arrestare KSM, che riuscì a scappare in tempo, venne invece preso il suo collaboratore Ramzi Binalshibh.

In seguito al primo fallimento, la CIA reclutò un collaboratore di KSM, di cui gli autori omettono il vero nome, che comunicò dove KSM si trovasse. Il terrorista venne finalmente catturato di notte a Rawalpindi, nei primi mesi del 2003, mentre era intontito dalle medicine che aveva preso per dormire.

Una volta nelle mani degli inquirenti americani, KSM venne trasferito più volte e poi portato a Guantanamo, dove la CIA lo interrogò sottoponendolo a tortura. Il terrorista fornì informazioni vere e altre false per accontentare gli interrogatori e interrompere la tortura, e anche per far perdere loro tempo prezioso. KSM omise sicuramente anche delle informazioni importanti; per esempio non disse nulla degli attentati che si sarebbero svolti a Madrid nel 2004, di cui non poteva non essere al corrente.

I due autori chiudono il volume con la considerazione che, nonostante l'uccisione di Osama bin Laden nel 2011 sia stata molto più celebrata della cattura di KSM, quest'ultimo aveva in al Qaeda un ruolo quasi più importante di quello del fondatore, che quando fu ucciso viveva nascosto, isolato e incapace di agire.

2017/04/17

Gli scambi di identità di Salem al-Hazmi

di Hammer

Uno degli argomenti più frequenti di chi sostiene le teorie del complotto sugli attentati dell’11/9 è quello secondo cui i terroristi furono identificati troppo in fretta dagli inquirenti e che alcuni, se non tutti, dei 19 dirottatori fossero in realtà ancora vivi dopo gli attacchi.

È abbastanza ovvio che chi sostiene queste teorie ignora un concetto molto semplice: cioè che al mondo esistono le omonimie e che quindi persone diverse possono avere lo stesso nome. Se il buon senso non basta, come spesso accade con i complottisti, si rende necessario analizzare in dettaglio cosa è accaduto in realtà durante l'identificazione degli attentatori.

Un esempio di questo riguarda l'identificazione di Salem al-Hazmi, uno dei muscle hijackers (dirottatori col compito di usare la forza per prendere il controllo) del volo American Airlines 77 che si schiantò contro il Pentagono.

L’FBI diffuse la prima lista dei presunti dirottatori il 14 settembre del 2001 e pochi giorni dopo, il 19 settembre, il Washington Post riportò che il capo dell'ambasciata saudita degli USA avrebbe detto che l’uomo indicato come Salem al-Hazmi era in realtà un impiegato presso uno stabilimento petrolchimico di una società governativa a Yanbuʿ in Arabia Saudita.

L'ambasciata aggiunse che all’uomo era stato rubato il passaporto anni prima al Cairo e che probabilmente il terrorista aveva compiuto un furto di identità per assumere quella del saudita che viveva tranquillamente in patria. Il 19 settembre il quotidiano saudita Al-Sharq Al-Awsat pubblicò un articolo in cui mostrava la foto di Ibrahim Salem al-Hazmi, che si riteneva accusato ingiustamente di essere uno dei dirottatori.

Tuttavia, contrariamente a quanto scritto nell'articolo del Washington Post linkato in precedenza, stando alla traduzione proposta da Google Translate del testo originale in arabo, la seconda foto non mostra il presunto terrorista che ha rubato l'identità a Ibrahim Salem al-Hazmi, ma il medico al-Bader al-Hazmi (che quindi condivide il cognome con il terrorista e con l’impiegato saudita), che in quei giorni era stato ingiustamente arrestato negli USA perché aveva usato in alcune occasioni il nome Khalid al-Mihdhar, incappando così in uno scambio di persona con un altro terrorista anch’egli dirottatore del volo American Airlines 77. Di questo grave errore di identificazione parla, tra l'altro, il medesimo articolo del Washington Post che cita il quotidiano saudita.

Le due foto pubblicate da Al-Sharq Al-Awsat il 19/9/2001

Una volta rilasciato il medico e riconosciuto l’errore, l’FBI non capì subito che si trattava di un’omonimia, ma pensò dapprima a un furto di identità ai danni del medico.

Il 20 settembre Al-Sharq Al-Awsat ribadì il concetto ripetendo che al-Hazmi era ancora vivo e che il terrorista suicida era un’altra persona.

Nonostante la confusione generata dai numerosi scambi di persona, dopo che l’FBI divulgò la lista definitiva dei dirottatori il 28 settembre, l’Arabia Saudita dovette ammettere che 15 dei 19 uomini del commando erano effettivamente sauditi. Tuttavia tale conferma arrivò solo a febbraio del 2002.

Un episodio di questo tipo, e se ne sono verificati molti durante l’identificazione dei 19 dirottatori, dimostra ancora una volta che le teorie complottiste si basano spesso su molta ingenuità e sull’ignorare fatti ovvi: come quello che al mondo esistono casi di omonimia.